BREAKING NEWS:

03 AGOSTO 2022

IL COMUNE DI VERONA DICHIARA

EMERGENZA CLIMATICA ED ECOLOGICA (*)

(*) LEGGI IL COMUNICATO STAMPA

https://ufficiostampa.comune.verona.it/nqcontent.cfm?a_id=9561&id_com=29463

LA STORIA

La richiesta, avanzata più volte negli ultimi due anni dalle attiviste e gli attivisti dei gruppi oggi riuniti sotto il cappello di CaraVerona, una volta e mille inascoltata e rifiutata, è ora stata finalmente accolta ed elevata dalla giunta.

⏳ Gli/Le scienziati/e da anni ci avvertono dei rischi per la vita, non solo umana, legati ai cambiamenti climatici in atto e ci spronano ad agire per adottare un modello di sviluppo non più basato sui combustibili fossili: rimandare le decisioni o porsi obiettivi insufficienti danneggia non soltanto la natura, ma anche il diritto delle nuove generazioni a vivere e ad avere un futuro:

 

🌍 Ormai sono passati oltre due anni (aggiornato: tre anni!) dal 15 marzo 2019, data del primo global strike for future, e le conseguenze della crisi climatica si fanno sempre più evidenti e allarmanti, anche nel nostro territorio veronese.

 

⏳ La prima mozione sulla Dichiarazione di Emergenza Climatica, presentata da Fridays For Future Verona nel 2019, non è mai stata presa in considerazione.

 

⏳ Un secondo tentativo è stato fatto a fine esatate 2021, quando CaraVerona ha inviato all'amministrazione una proposta di mozione sulla Dichiarazione di Emergenza Climatica.

🌱 Vorremmo che la Dichiarazione di Emergenza Climatica fosse quel primo piccolo passo che aiuti a riconoscere la gravità del problema che stiamo affrontando, affinché la nuova presa di coscienza diventi un vero punto di partenza per l'intera città di Verona che porti ad agire di conseguenza.

SCARICA IL TESTO DELLA NOSTRA

PROPOSTA DI MOZIONE (31 AGOSTO 2022)

"Approvando la Dichiarazione di Emergenza Climatica il Sindaco/la Giunta comunale si impegnano a dare priorità di intervento alle azioni di adattamento ai/e mitigazione dei cambiamenti climatici, garantendo quindi che alla Dichiarazione di Emergenza seguano misure concrete e adeguate alla gravità della crisi":

LA DEC

1. COSA?

Dichiarare emergenza climatica e ambientale, per un comune, una regione o uno stato, significa riconoscere la gravità degli effetti ambientali e socio-economici determinati dal riscaldamento globale e reagire nell’immediato, pianificando con priorità le opere di adattamento. Quindi è un atto politico e di presa di responsabilità da parte di una istituzione.

La Dichiarazione di Emergenza Climatica non è il fine da raggiungere, ma il mezzo per avviare una transizione climatica socialmente equa, che non lasci indietro nessuno, e un mezzo per aumentare la consapevolezza su un problema che troppo spesso viene ignorato.

2. PERCHÉ

- Per provare ad aumentare la CONSAPEVOLEZZA di un problema che troppo spesso viene ignorato. Per iniziare quindi a trattare la crisi climatica per quello che è: un'emergenza. 


 

- Dal punto di vista giuridico un’istituzione ha la possibilità di mettere in campo azioni che in una normale situazione non potrebbero essere attuate.


 

- Per creare un precedente per gli altri consigli comunali, dare l’esempio e iniziare a combattere insieme questa lotta contro il tempo.


 

- Per fare pressione alle istituzioni regionali e nazionali affinché facciano altrettanto.

​​

3. COME

La transizione climatica deve avvenire rispettando i seguenti principi: 

1. EQUITÀ: costi della transizione non devono gravare sulle fasce più deboli della popolazione; 


2. DEMOCRAZIA: le istituzioni si impegnano a coinvolgere attivamente cittadini e associazioni (attraverso tavoli di confronto e di dibattito pubblico) nel processo di individuazione, pianificazione, attuazione e supervisione della transizione ecologica;


 

3. TRASPARENZA: le istituzioni si impegnano a pubblicare rapporti periodici sui progressi fatti nella riduzione delle emissioni e nella risoluzione delle criticità ambientali locali.